Tra le rose di Laura Losi Visualizza ingrandito

Tra le rose di Laura Losi

Nuovo

La protagonista del romanzo è un’orfana, Jacqueline, vissuta in ambienti nobiliari che le hanno eretto intorno una gabbia dorata. Il prologo complica la narrazione, presentando un personaggio dalla natura ambigua, dall’animo tormentato, lacerato fra bene e male. 

Maggiori dettagli

13,99€

Scheda tecnica

Editore 13Lab Edition Srls
ISBN 9788899425098
Autore Laura Losi
Formato 15x21
Tempi di consegna max 3/4 gg dall'ordine

Dettagli

La protagonista del romanzo è un’orfana, Jacqueline, vissuta in ambienti nobiliari che le hanno eretto intorno una gabbia dorata. Il prologo complica la narrazione, presentando un personaggio dalla natura ambigua, dall’animo tormentato, lacerato fra bene e male. Egli è attirato dal pianto della piccola Jacqueline, adagiata tra le rose, come recita il titolo, le rose raffinate che tanto ricordano la Francia. Tale è la tenerezza con cui la consola che ella pensa si tratti di un angelo. Non è una creatura celestiale, ma è pur tuttavia capace di rivolgere carezze a quell’essere indifeso, che si abbandona fra le sue braccia in cerca di tepore: egli è il primo a stupirsene.

L’attacco vero e proprio del libro fa compiere un balzo in avanti, quando Jacqueline è già quasi maggiorenne e si ribella come può al  percorso educativo tracciatole dallo zio che l’ha accolta nel suo palazzo londinese. La giovane soffre lo sradicamento dalla natia terra di Francia, divenuta nel suo immaginario sinonimo di casa e di libertà. Non vuole sentirsi come una bambola ornamentale e teme di venir proposta quanto prima in moglie a qualcuno che non ama. Jacqueline segue l’istinto, ama passeggiare in libertà e odia le stratificazioni sociali, la sua migliore amica è Ann, figlia della domestica. L’eccessiva sicurezza la fa scivolare inavvertitamente in situazioni pericolose. Una di queste diventa l’occasione propizia che la fa incontrare nuovamente con il suo angelo.

E’ un libro piacevole, fonde caratteristiche di generi diversi, riconducibili al romanzo d’amore, all’horror, al giallo, in un’atmosfera elegante e tranquilla, tipica dei palazzi londinesi altolocati. I colloqui, specie le scene di corteggiamento, riferiscono uno stile colloquiale in cui i personaggi riescono a mantenere una dialettica raffinata, che sa applicare la sagacia, senza sminuire offensivamente l’interlocutore. Talune atmosfere ricordano Jane Austen, l’impegno con cui descrive l’anticonformismo caparbio delle donne colte e intelligenti. Altri dettagli paiono riflettere la scuola di Jack London, la sua predilezione per il chiaroscuro della vita e della psiche umana. Non manca la tonalità noir e rosa insieme della saga di Twilight e dei personaggi dal cuore tenero, soggetti a pratiche mostruose.

Keith è il protagonista maschile del libro, il suo personaggio vive nel doppio con rammarico, a quanto si avverte nella narrazione. Appartiene a un mondo parallelo, sommerso, non è soggetto alle leggi del tempo. La sua storia a grandi linee non è molto diversa da quella di Jacqueline: è un orfano anche lui ed è lontano dai suoi luoghi natii, è stato accolto da suo zio e dai suoi cugini.

La terna degli orfani è completata dalla piccola Charity, che è accolta dagli zii di Jacqueline, quando rimane orfana nella sua Glasgow. In lei la ribelle Jacqueline riconosce se stessa e grazie a lei sviluppa un inedito istinto materno. E’ il suo punto di riferimento, ma anche la sorella maggiore, che la fa divertire con complicità.

A corona dei due protagonisti ci sono le famiglie, ognuna nobile a modo suo, amante di eventi sociali, serate a teatro, ricevimenti a palazzo, osservanza di un cerimoniale prescritto, ognuna persegue con decisione i propri interessi. Il mistero in certe pagine è fitto come la nebbia di Londra, il ritmo è avvincente, a tratti chiama in causa il mondo degli spiriti, insegue medium dotati, in grado di fare da tramite. E poi, come ogni romanzo che si rispetti, compaiono i personaggi di disturbo, i guastafeste, quelli orientati soltanto a soddisfare i loro interessi particolari, animati dal cinismo che distrugge ogni ideologia.

A trionfare soni i sentimenti nobili e non scontati. Il passato e il presente si riconciliano, mentre la fiducia nell’amore e nell’amato è così forte da nutrire la pazienza, da valere un’attesa silenziosa e operosa.

Recensioni

Scrivi una recensione

Tra le rose di Laura Losi

Tra le rose di Laura Losi

La protagonista del romanzo è un’orfana, Jacqueline, vissuta in ambienti nobiliari che le hanno eretto intorno una gabbia dorata. Il prologo complica la narrazione, presentando un personaggio dalla natura ambigua, dall’animo tormentato, lacerato fra bene e male. 

Scrivi una recensione

30 altri prodotti della stessa categoria: